Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Addio a Giancarlo Comastri

Logo FIDASC 2019 per sito

La Fidasc piange la scomparsa di Giancarlo Comastri

Dopo una lunga malattia, il Sen. Giancarlo Comastri, una delle figure più importanti della sanità umbra, della politica italiana e del mondo sportivo si è spento lasciando un gran vuoto fra tutti coloro che lo hanno avuto come medico, come amministratore, come compagno di caccia e infine come dirigente sportivo.

Nato a Perugia nel 1939, dopo essersi laureato in Medicina, Comastri si era specializzato in Igiene e medicina preventiva, ricoprendo oltre che l’incarico di primario del Laboratorio analisi dell’ospedale di Spoleto, e di direttore sanitario e commissario straordinario della Asl 3, anche la cattedra di Scienze farmaceutiche e biochimica applicata alla Scuola di specializzazione dell’Università di Perugia.

Insieme all’attività di medico, Giancarlo Comastri ha portato avanti anche una intensa attività politica all’interno del Partito comunista italiano, prima, e del Pdci poi, sedendo a Palazzo Madama (IX Legislatura) dal 23 marzo 1984 al 1 luglio 1987.

Una volta abbandonata la lunga e prestigiosissima carriera medica e la breve esperienza senatoriale, Giancarlo Comastri si è dedicato anima e corpo alle altre sue grandi passioni, la caccia e lo sport.

In particolare, con grande esperienza e dedizione, è stato uno dei principali artefici della grande rifondazione del Percorso di Caccia Itinerante, una specialità tiravolistica che era caduta quasi nel dimenticatoio e che, una volta passata alla Fidasc, raggiunse in pochi anni i più alti livelli mondiali con un invidiabile palmares di medaglie.

Giancarlo Comastri, che ha ricoperto la carica di Coordinatore nazionale della specialità, è stato anche coautore del primo e unico manuale tecnico dedicato allo sporting pubblicato in Italia.

Ricordandone con gratitudine l’operato di dirigente sportivo, il presidente della Fidasc Felice Buglione, a nome di tutto il Consiglio, dei dirigenti, dei tecnici, degli ufficiali di gara, degli atleti e di tutto il personale federale, si stringe con commosso affetto alla famiglia di Giancarlo Comastri, alla moglie Laura ed ai figli Elisabetta e Andrea e ai suoi amati nipotini.

 

Roma 11 febbraio 2019

 

                                                                                                                      L’UFFICIO STAMPA